Mopur
novembre 17, 2014 Blog PuntoBio Nessun commento

Mopur è il nome sanscrito del Dio che presiede alla germogliazione del grano e proprio dall’osservazione della germogliazione nasce l’idea di questo prodotto conosciuto anche come “carne vegetale”, derivato dalla lavorazione del grano.

La sua produzione si basa su un naturale processo di fermentazione del frumento che sfrutta l’azione di un lievito madre naturale specificatamente elaborato per produrre quest’alimento dalle caratteristiche uniche. Questa lavorazione, coperta da brevetto, è stata ideata da Beniamino Anzalone, noto ricercatore siciliano scopritore tra l’altro dell’innovativo metodo Pandora che ha rivoluzionato il mondo del vino (ndr.). Inoltre, consente di creare un prodotto del tutto vegetale assolutamente privo di grassi e proteine animali, ma con una struttura “micro fibrillare” simile alla carne.

Il mopur è un alimento con una bassissima presenza di grassi vegetali e ben il 34% di proteine. La lavorazione avviene con l’ausilio di criteri biodinamici: le proteine vengono scomposte in singoli aminoacidi liberi, portando il glutine, principale componente dell’impasto, a livelli molto bassi, garantendone una facile digeribilità e un alto apporto proteico ed energetico e permettendo al prodotto finito di conservare le proprietà nutritive originarie del grano, ma in una forma di facile utilizzo ed impiego.

Essendo a base vegetale è anche un alimento essenzialmente privo di colesterolo, con pochissimi grassi (circa il 7% di grassi vegetali), zuccheri e calorie e la sua stagionatura rende gli aminoacidi più facilmente assimilabili dall’organismo.

Nel nostro punto vendita è disponibile in forma di affettato, burger, salsiccia e filetto.

Written by Punto BIO Napoli